Questo sito utilizza cookie al fine di consentire la normale navigazione e fruizione del sito stesso e per tracciare informazioni statistiche in forma anonima e aggregata.

La prosecuzione della normale navigazione comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. E' possibile negare il consenso a qualunque cookie seguendo il link Per saperne di piu'

Approvo

Che cos’è un cookie e a cosa serve?

I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall'utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. "terze parti"), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando. I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc. Al riguardo, e ai fini del presente provvedimento, si individuano pertanto due macro-categorie: cookie "tecnici" e cookie "di profilazione".

a. Cookie tecnici.

I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice). Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

b. Cookie di profilazione.

I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete.

Quali cookie sono utilizzati dal presente sito?

Il nostro sito utilizza diverse tipologie di cookie e tecnologie affini, ognuna delle quali ha una specifica funzione. Il sito può essere navigato da parte degli utenti anche senza l'utilizzo dei cookie ma la navigazione potrebbe non essere la migliore possibile. Vengono qui di seguito elencati i cookie utilizzati e la relativa funzione.

Cookie di navigazione e di sessione

I cookie di navigazione e i cookie di sessione garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di visualizzare i contenuti sul dispositivo riconoscendo la lingua del Paese dal quale l’utente si connette, o di effettuare acquisti tramite sistemi di e-commerce). I cookie di navigazione sono cookie tecnici e sono pertanto necessari al funzionamento del sito migliorandone la qualità e l’esperienza di navigazione.

Cookie Analitici

Questo sito utilizza Google Analytics per raccogliere ed elaborare analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito attraverso il computer o le applicazioni mobile, sul numero di pagine visitate o il numero di click effettuati su una pagina durante la navigazione di un sito. Le informazioni generate relative al nostro sito web sono utilizzate dalla nostra azienda per fare dei report sull’utilizzo del sito stesso per migliorarne l'usabilità, le funzionalità, l'interfaccia, la comunicazione. Il nostro sito tratta i risultati di queste analisi in maniera anonima ed esclusivamente per finalità statistiche.

Come disabilitare i cookie

Quasi tutti i browser sono impostati per accettare automaticamente i cookie. È possibile controllare ed eventualmente disabilitare i cookie attraverso le impostazioni del proprio browser. La disabilitazione ed il blocco dei cookie di navigazione o quelli funzionali potrebbe precludere la fruizione ottimale di alcune aree del sito, limitando il servizio che offre il sito web.

Di seguito si riportano i link alle guide per la gestione dei cookie dai principali browser:

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/block-enable-or-allow-cookies

Safari: http://support.apple.com/kb/PH11913

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it-IT&hlrm=fr&hlrm=en

Firefox: http://support.mozilla.org/it-IT/kb/enable-and-disable-cookies-website-preferences

Per disabilitare i cookie analitici e impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione di questo sito, è possibile scaricare il Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Dove sta andando la musica?

Pubblicato in Spettacolo

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

loving live music w1

ECCO A VOI UNA BREVE SINTESI DELLA SITUAZIONE MUSICALE IN ITALIA ED IN GIRO PER IL MONDO. ENJOY!

Sono ormai molti anni che stiamo assistendo ad una mercificazione della musica, una mercificazione che si traduce in una nuova tendenza, tutta figlia dei nostri tempi, dove l’imperativo è “l’usa e getta”, ovvero: sfruttare l’artista che viene fuori dal telefilm/talent di turno e spremerlo ben bene, fino a che non porta profitto, e dopo accantonarlo e passare al prossimo… tanto i provini dei vari xfactor, got talent, amici, ecc… sono sempre pieni, e qualcosa o qualcuno alla fine uscirà da poter sfruttare. 

È inutile dire che la direzione di tutto questo è dalle major discografiche con il beneplacito delle reti tv e delle varie De Filippi, Ventura, Maionchi, ecc… che pur di fare qualche milionata di ascolti portano in prima tv, lacrime, liti, urla, che c’entrano con la musica come Ferrara con la dieta Dukan. Non è musica. È solo showbiz, di quarta categoria.

La dimostrazione di quello che diciamo è sotto gli occhi tutti: qualcuno si ricorda di Valerio Scanu (per capirci: è quello di “in tutti i luoghi in tutti i laghi”)? Di Marco Carta (per capirci:... Boh…)? Degli Aram Quartet (vedi Carta)? E la lista potrebbe continuare ancora per molto… E questo solo in Italia, dove gli unici sopravvissuti, almeno per ora, fino a che non topperanno il prossimo singolo, sono Emma Marrone e Alessandra Amoroso.

Non se la passano certo bene negli States dove invece la pochezza musicale del mondo del pop viene spesso minimizzata realizzando video costosissimi e ai limiti della censura – qualcuno ci spieghi cosa c’entra una tipa nuda su una palla da demolizione con la canzoncina di un amore adolescenziale infranto che sta cantando, e mentre lo fa, da qualche leccata ad una mazza di ferro tanto per.... – che di sicuro si fanno guardare su MTV o su Youtube e nel frattempo insinuano insulsi ritornelli nella testa dell’ascoltatore malcapitato.

Ma la situazione è davvero così grave? Ad esaminare così il fenomeno la risposta sembrerebbe affermativa, tuttavia da questo enorme cassone(etto) che è il mondo del pop odierno, riescono ad emergere anche artisti che certo hanno talento da vendere (e lo fanno egregiamente):  Christina Aguilera, Beyoncè, ma anche Pink, Kelly Rowland, che di certo, in termini di doti vocali, hanno da dare lezioni a molti dei loro colleghi (vedi Lady Gaga, Britney Spears, Miley Cyrus, ecc…).

E in Italia qual è la situazione? Alcune cose le abbiamo già citate in precedenza e, a parte i soliti “punti fermi” (Ligabue, Vasco Rossi, Zucchero, Pausini, Ramazzotti, ecc… che ormai sono uguali a loro stessi da almeno 15 anni), c’è ben poco da sperare. O meglio gli artisti ci sarebbero pure, e l’Italia possiede un underground musicale fittissimo di valide band che non desiderano altro che fare il grande salto, però restando fedeli alla loro natura, senza svendersi al discografico di turno, pronto a bruciarli dopo il primo album flop. Qualcuno sa che i Litfiba prima di arrivare al successo fecero due album – Krypton e Desaparecido – che ebbero vendite bassissime? Oggi quante case discografiche danno la possibilità di continuare ad incidere dopo due album-flop?

Nel frattempo, l’unica soluzione è quella di andarcela a cercare la musica, e non lasciarcela imporre dal mercato degli artisti a catena di montaggio. Per il futuro possiamo solo sperare che qualcosa cambi davvero. Non nei discografici (non speriamo tanto… sono finiti gli anni settanta purtroppo) ma in noi ascoltatori, cominciando ad ascoltare musica con la “M” maiuscola, rigettando tutto ciò che è spettacolarizzazione del dolore legato alle sette note.

E l’unica speranza è proprio in quell’underground ricco e vitale, che pulsa di nuove idee e nuovi talenti. Noi di Web Informa siamo attenti al fenomeno ed oggi vi proponiamo questo gruppo che di sicuro farà parlare di se ben presto.

 


A presto, Il Team di Web Informa