Questo sito utilizza cookie al fine di consentire la normale navigazione e fruizione del sito stesso e per tracciare informazioni statistiche in forma anonima e aggregata.

La prosecuzione della normale navigazione comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. E' possibile negare il consenso a qualunque cookie seguendo il link Per saperne di piu'

Approvo

Che cos’è un cookie e a cosa serve?

I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall'utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. "terze parti"), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando. I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc. Al riguardo, e ai fini del presente provvedimento, si individuano pertanto due macro-categorie: cookie "tecnici" e cookie "di profilazione".

a. Cookie tecnici.

I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice). Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

b. Cookie di profilazione.

I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete.

Quali cookie sono utilizzati dal presente sito?

Il nostro sito utilizza diverse tipologie di cookie e tecnologie affini, ognuna delle quali ha una specifica funzione. Il sito può essere navigato da parte degli utenti anche senza l'utilizzo dei cookie ma la navigazione potrebbe non essere la migliore possibile. Vengono qui di seguito elencati i cookie utilizzati e la relativa funzione.

Cookie di navigazione e di sessione

I cookie di navigazione e i cookie di sessione garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di visualizzare i contenuti sul dispositivo riconoscendo la lingua del Paese dal quale l’utente si connette, o di effettuare acquisti tramite sistemi di e-commerce). I cookie di navigazione sono cookie tecnici e sono pertanto necessari al funzionamento del sito migliorandone la qualità e l’esperienza di navigazione.

Cookie Analitici

Questo sito utilizza Google Analytics per raccogliere ed elaborare analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito attraverso il computer o le applicazioni mobile, sul numero di pagine visitate o il numero di click effettuati su una pagina durante la navigazione di un sito. Le informazioni generate relative al nostro sito web sono utilizzate dalla nostra azienda per fare dei report sull’utilizzo del sito stesso per migliorarne l'usabilità, le funzionalità, l'interfaccia, la comunicazione. Il nostro sito tratta i risultati di queste analisi in maniera anonima ed esclusivamente per finalità statistiche.

Come disabilitare i cookie

Quasi tutti i browser sono impostati per accettare automaticamente i cookie. È possibile controllare ed eventualmente disabilitare i cookie attraverso le impostazioni del proprio browser. La disabilitazione ed il blocco dei cookie di navigazione o quelli funzionali potrebbe precludere la fruizione ottimale di alcune aree del sito, limitando il servizio che offre il sito web.

Di seguito si riportano i link alle guide per la gestione dei cookie dai principali browser:

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/block-enable-or-allow-cookies

Safari: http://support.apple.com/kb/PH11913

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it-IT&hlrm=fr&hlrm=en

Firefox: http://support.mozilla.org/it-IT/kb/enable-and-disable-cookies-website-preferences

Per disabilitare i cookie analitici e impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione di questo sito, è possibile scaricare il Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Addio ad uno dei Padri dei Diritti Civili. Addio a Nelson Mandela

Pubblicato in News dal mondo

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

NELSON-MANDELA-MORTO-281

IERI, ALL’ETÀ DI 95 ANNI, IL LEADER INDISCUSSO DEL’AFRICAN NATIONAL CONGRESS E DEI DIRITTI CIVILI IN SUDAFRICA SI È SPENTO NELLA SUA JOHANNESBURG DOPO UN PEGGIORAMENTO DELLE SUE CONDIZIONI DI SALUTE IN SEGUITO AD UNA GRAVE INFEZIONE POLMONARE DIAGNOSTICATAGLI A GIUGNO DI QUESTO ANNO.

 

Parlare in poche righe di un personaggio della caratura morale di Nelson Mandela è impresa non da poco. Ci vorrebbero fiumi di inchiostro (peraltro già spesi da molti storici autorevoli), e non sarebbero nemmeno lontanamente sufficienti per descrivere tutto ciò che egli ha compiuto per la Libertà – nel senso più alto del termine, non come ultimamente ci hanno abituato molti politici attuali – del suo popolo ed in generale per quella di tutte le persone che nel mondo ne sono private a causa di politiche razziste e xenofobe.

Mandela (Madiba, per gli appartenenti alla sua etnia) ha mosso i primi passi nella politica nell’immediato dopoguerra, entrando a far parte dell’ANC (African National Congress), e opponendosi allora partito di governo – il National Party – contraddistinto negativamente per iniziative che prevedevano la segregazione razziale, e che sfociarono verso la fine degli anni ’50 in quello che è tristemente noto come “apartheid”.

Per inquadrare meglio il personaggio dobbiamo però fare un salto negli anni ’60, in quella Johannesburg in fermento per le nuove politiche razziste del National Party, il partito di estrema destra formato solo da “bianchi”. Politiche che prevedevano che solo il 20% della popolazione (ex coloni inglesi bianchi e boeri, i cosidetti afrikaner) dovessero detenere il potere governativo assoluto, destinando il restante 80% degli abitanti del Sudafrica (neri e meticci), alla segregazione razziale in campi di prigionia o, nella migliore delle ipotesi, ad essere esclusa dalle libertà più ovvie per una normale persona.

L’incrudimento delle relazioni tra ANC e il partito di estrema destra al potere, porta alla messa al bando dell’associazione per i diritti umani di cui Mandela fa parte. Questo costa al Leader una prigionia di oltre 25 anni che però non affievolisce il suo carattere combattivo, continuando anche dal carcere a diffondere le sue idee di integrazione tra bianchi e neri in Sudafrica.

Viene scarcerato nel 1990, grazie anche alle forti pressioni della comunità internazionale che al grido unanime di “Nelson Mandela libero”, riescono ad imporre al governo sudafricano il rilascio del Leader.

Il resto è storia recente, dalla sua elezione a presidente del Sudafrica (primo presidente di colore del paese) fino ai Mondiali di calcio del 2010 da lui fortemente voluti, passando per il “Mandela Day”, un festival musicale che ha visto come ospiti Aretha Franklin, Gloria Gaynor, Stewie Wonder, Zucchero, e molti altri artisti internazionali, organizzato per celebrare  il suo novantunesimo compleanno.

Un pezzo di storia del Novecento è andato via per sempre, ma per fortuna le sue idee ed il suo operato resteranno nella memoria di tutti. Ricordando ad ognuno di noi che le libertà,  quali esse siano,  non si conquistano da un giorno all’altro ma solo attraverso il sacrificio la perseveranza di chi lotta per esse.

Vi lasciamo con una sua celebre frase: « Non c'è nessuna strada facile per la libertà.»

A presto, il Team di Web Informa