Questo sito utilizza cookie al fine di consentire la normale navigazione e fruizione del sito stesso e per tracciare informazioni statistiche in forma anonima e aggregata.

La prosecuzione della normale navigazione comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. E' possibile negare il consenso a qualunque cookie seguendo il link Per saperne di piu'

Approvo

Che cos’è un cookie e a cosa serve?

I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall'utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. "terze parti"), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando. I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc. Al riguardo, e ai fini del presente provvedimento, si individuano pertanto due macro-categorie: cookie "tecnici" e cookie "di profilazione".

a. Cookie tecnici.

I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice). Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

b. Cookie di profilazione.

I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete.

Quali cookie sono utilizzati dal presente sito?

Il nostro sito utilizza diverse tipologie di cookie e tecnologie affini, ognuna delle quali ha una specifica funzione. Il sito può essere navigato da parte degli utenti anche senza l'utilizzo dei cookie ma la navigazione potrebbe non essere la migliore possibile. Vengono qui di seguito elencati i cookie utilizzati e la relativa funzione.

Cookie di navigazione e di sessione

I cookie di navigazione e i cookie di sessione garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di visualizzare i contenuti sul dispositivo riconoscendo la lingua del Paese dal quale l’utente si connette, o di effettuare acquisti tramite sistemi di e-commerce). I cookie di navigazione sono cookie tecnici e sono pertanto necessari al funzionamento del sito migliorandone la qualità e l’esperienza di navigazione.

Cookie Analitici

Questo sito utilizza Google Analytics per raccogliere ed elaborare analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito attraverso il computer o le applicazioni mobile, sul numero di pagine visitate o il numero di click effettuati su una pagina durante la navigazione di un sito. Le informazioni generate relative al nostro sito web sono utilizzate dalla nostra azienda per fare dei report sull’utilizzo del sito stesso per migliorarne l'usabilità, le funzionalità, l'interfaccia, la comunicazione. Il nostro sito tratta i risultati di queste analisi in maniera anonima ed esclusivamente per finalità statistiche.

Come disabilitare i cookie

Quasi tutti i browser sono impostati per accettare automaticamente i cookie. È possibile controllare ed eventualmente disabilitare i cookie attraverso le impostazioni del proprio browser. La disabilitazione ed il blocco dei cookie di navigazione o quelli funzionali potrebbe precludere la fruizione ottimale di alcune aree del sito, limitando il servizio che offre il sito web.

Di seguito si riportano i link alle guide per la gestione dei cookie dai principali browser:

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/block-enable-or-allow-cookies

Safari: http://support.apple.com/kb/PH11913

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it-IT&hlrm=fr&hlrm=en

Firefox: http://support.mozilla.org/it-IT/kb/enable-and-disable-cookies-website-preferences

Per disabilitare i cookie analitici e impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione di questo sito, è possibile scaricare il Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Deflazione e vecchi spauracchi

Pubblicato in Lavoro - Azienda

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

deflazione

Il permanere della recessione sembra aver innescato nel ciclo economico una pericolosa spirale, purtroppo non virtuosa, al culmine della quale riappare pressante l’incubo della deflazione.
Benché i governi sembrano usare con prudenza questo termine, sempre più spesso gli organi di stampa ne ventilano lo spauracchio.
Ma cos’è la deflazione e come mai è un indice tanto temuto?

Letteralmente si tratta delle diminuzione dei prezzi al consumo. Detta così sembrerebbe che non sia un elemento tanto negativo, soprattutto per le famiglie che combattono giornalmente con il famoso paniere dei benie con i conti della spesa, tuttavia,inserite nelle complicate dinamiche del mercato, la deflazione rappresenta un grave indicatore negativo di crisi.

L’immagine a lato, ci aiuta chiaramente a comprendere le conseguenze di una prolungata contrazione dei consumi conseguente alla crisi, porta ad un eccesso produttivo che provoca il ribasso dei prezzi.

I prezzi diminuiscono non per dinamiche concorrenziali ma diminuiscono perché le famiglie non possono più comprare, a fronte di tante famiglie che non comprano ci sono tante imprese che non vendono e che conseguentemente non possono assumere personale o mantenere quello già in servizio, la ripercussione più immediata di ciò è l’aumento della disoccupazione.

Ecco perché la DEFLAZIONE è un sintomo di profonda crisi e perché tutti gli economisti guardano a questo indice con estrema preoccupazione.

La ripresa dei consumi è quindi un segnale positivo che fa pensare ad un’inversione di tendenza; sfortunatamente questo indicatore continua ad essere negativo.
Sono proprio le famiglie che non riescono a soddisfare pienamente le loro esigenze di consumo e che spesso sono anche vessate dai debiti.

Gli strumenti per uscire dalla empasse ci sono, dai piani di ristrutturazione del debito agli strumenti di protezione del patrimonio, non tutti però ne sono a conoscenza, anzi sovente si affidano a professionisti non qualificati che, talvolta, invece di aiutare, aggravano una situazione già precaria compromettendo irreversibilmente una condizione di ripristino di una situazione in bonis.
Il passo giusto da compiere per uscire da situazioni di difficoltà è quello di affidarsi a persone competenti e professionali che, partendo da un’analisi dello stato di indebitamento e dall’esame delle reali possibilità di spesa della famiglia, possano elaborare un adeguato piano di risanamento.

Certo non basterà che ogni famiglia si rivolga a professionisti competenti per risolvere la crisi del nostro paese e l’incubo della deflazione si allontani, ben altre sono le strategie a livello macroeconomico da adottare per raggiungere tale risultato, ma da qualche parte bisogna pur cominciare. Mi auguro che le indicazioni di metodo su come gestire le criticità economiche e finanziarie da indebitamento siano utili,nell’attesa che il governo dia attuazione alle riforme strutturali di cui il nostro paese ha bisogno.