Questo sito utilizza cookie al fine di consentire la normale navigazione e fruizione del sito stesso e per tracciare informazioni statistiche in forma anonima e aggregata.

La prosecuzione della normale navigazione comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. E' possibile negare il consenso a qualunque cookie seguendo il link Per saperne di piu'

Approvo

Che cos’è un cookie e a cosa serve?

I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall'utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. "terze parti"), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando. I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc. Al riguardo, e ai fini del presente provvedimento, si individuano pertanto due macro-categorie: cookie "tecnici" e cookie "di profilazione".

a. Cookie tecnici.

I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice). Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

b. Cookie di profilazione.

I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete.

Quali cookie sono utilizzati dal presente sito?

Il nostro sito utilizza diverse tipologie di cookie e tecnologie affini, ognuna delle quali ha una specifica funzione. Il sito può essere navigato da parte degli utenti anche senza l'utilizzo dei cookie ma la navigazione potrebbe non essere la migliore possibile. Vengono qui di seguito elencati i cookie utilizzati e la relativa funzione.

Cookie di navigazione e di sessione

I cookie di navigazione e i cookie di sessione garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di visualizzare i contenuti sul dispositivo riconoscendo la lingua del Paese dal quale l’utente si connette, o di effettuare acquisti tramite sistemi di e-commerce). I cookie di navigazione sono cookie tecnici e sono pertanto necessari al funzionamento del sito migliorandone la qualità e l’esperienza di navigazione.

Cookie Analitici

Questo sito utilizza Google Analytics per raccogliere ed elaborare analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito attraverso il computer o le applicazioni mobile, sul numero di pagine visitate o il numero di click effettuati su una pagina durante la navigazione di un sito. Le informazioni generate relative al nostro sito web sono utilizzate dalla nostra azienda per fare dei report sull’utilizzo del sito stesso per migliorarne l'usabilità, le funzionalità, l'interfaccia, la comunicazione. Il nostro sito tratta i risultati di queste analisi in maniera anonima ed esclusivamente per finalità statistiche.

Come disabilitare i cookie

Quasi tutti i browser sono impostati per accettare automaticamente i cookie. È possibile controllare ed eventualmente disabilitare i cookie attraverso le impostazioni del proprio browser. La disabilitazione ed il blocco dei cookie di navigazione o quelli funzionali potrebbe precludere la fruizione ottimale di alcune aree del sito, limitando il servizio che offre il sito web.

Di seguito si riportano i link alle guide per la gestione dei cookie dai principali browser:

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/block-enable-or-allow-cookies

Safari: http://support.apple.com/kb/PH11913

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it-IT&hlrm=fr&hlrm=en

Firefox: http://support.mozilla.org/it-IT/kb/enable-and-disable-cookies-website-preferences

Per disabilitare i cookie analitici e impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione di questo sito, è possibile scaricare il Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Fan page e viral marketing: lo strano caso degli sponsored post “off topic”

Pubblicato in Giochi & Tecnologia

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Alcune pagine hanno saputo creare un efficace modello di vendita su Facebook. Vediamo come!

 like advertising

Chiunque abbia un profilo Facebook ha avuto modo di affiliarsi, cliccando su “like”, a una pagina fan dal nome demenziale.

Spazi-tributo a particolari situazioni e sensazioni, il più delle volte che riconducono a una dimensione adolescenziale e/o studentesca o che tirano in ballo luoghi comuni diffusi e battute d’utilizzo popolare: diventare fan di pagine di questo genere è stato per un certo periodo anche una moda.

Il senso di molti di questi spazi non era ben chiaro: il cliccare sul pulsante “like” non offriva alcun valore aggiunto dal punto di vista sociale agli utenti connessi (essendo l’attività di community management talvolta completamente assente), ma risultava essere efficace solo per affermarsi nella propria rete sociale, considerando che, essendo l’intento presunto di determinate pagine quello di “far ridere” alla lettura del titolo, questo permetteva di proporre ai propri “amici” una sorta di “selection” di battute spiritose.

In effetti, l’abitudine alla “multiaffiliazione” ha fatto sì che per un periodo abbastanza lungo, la bacheca generale degli utenti italiani fosse intasata da notifiche fiume dei propri amici simili a, ad esempio: “L’amico X è diventato fan di ‘Anziani che…’  e altre 25 pagine“.

I fatti, in realtà, hanno dimostrato altro: perché spazi che inizialmente sembravano slegati dall’avere un senso si sono rivelati bacino di business da cui attingere, proprio perché costruiti con un pubblico il più delle volte decisamente ampio. Vediamo perché.

Pensate, amici lettori, a quante volte avete premuto “like” su una pagina che poi avete dimenticato di seguire, pochi attimi dopo esservici connessi: basta guardare fra le vostre informazioni a quante siete affiliati per trovare talvolta numeri molto alti, nell’ordine delle centinaia. Il più delle volte arrivavate a queste pagine grazie – come sottolineavamo poc’anzi – ai vostri amici; perché a differenza delle brand page cui magari vi siete connessi per il principio di brand awareness, certi spazi erano impossibili da raggiungere con una ricerca “nominale”. Connessioni dovute grazie solamente a una dinamica virale.

Ebbene, da un giorno all’altro quegli spazi hanno cominciano ad essere gestiti. Con aggiornamenti di status magari slegati dal titolo, come condivisione di notizie curiose, macabre, a luci rosse, o anche vere e proprie proposte commerciali. Pagine prima senza un senso apparente che diventano ottime risorse per trovare contenuti.

Contenuti che, capita di notare, vengono pubblicati uguali in più pagine contemporaneamente, come da una stessa mano. Una gestione sbagliata di spazi diversi fatta dallo stesso community manager? No.

interconnessioni advet

Sembra incredibile, ma uno dei modelli di business che sembra aver preso piede su Facebook è quello di sfruttare spazi generati dalla comunicazione virale per commercializzare contenuti. Il meccanismo è semplice:

    creazione di alcune pagine potenzialmente popolari, con forte impatto empatico ed emotivo e/o acquisto di quelle già realizzate e che contano su un ampio numero di connessioni;
    sviluppo di un grosso pubblico, grazie al meccanismo insitamente virale di Facebook (il mio amico si affilia a uno spazio, leggo il titolo dello spazio, mi ci affilio anche io);
    gestione “neutra”, con il solo scopo di intrattenere:
    vendita di sponsored post off topic, mescolati alla normale gestione anche in linea con il topic ispiratore.

Nulla ci sarebbe di strano se non che il tutto avvenga senza che questo venga percepito dal lato utente, il quale riceve informazioni che rimangono essenzialmente considerate “pure“, non indotte dal mercato, indi credibili.

Pubblicità perfetta, in pratica, che non colpisce o infastidisce il pubblico, si incunea perfettamente in una pagina che apparentemente non ha – come abbiamo provato a spiegare – un fondato motivo per esistere  e che, di fatto, ha un valore economico preciso (perché appunto, frutto di una compravendita).

Non citeremo i nomi delle pagine fan delle quali abbiamo certezza che “vendano” materialmente post, anche perché non è nostro interesse valutare o meno la giustificabilità di una forma di commercio. Ci interessa però constatare come il modello di business costruito su questo meccanismo sia, per certi versi, estremamente raffinato: il punto di forza è infatti la costruzione di una massa critica di utenti molto voluminosa e apparentemente poco ricettiva, che però si rivela essere sensibile a un eventuale condivisione volta al convogliare traffico su determinati siti o reclamizzare prodotti: questo perché il messaggio arriva da una fonte non focalizzata su un determinato argomento, per questo in grado di condividere qualsiasi contenuto senza apparire off topic.

business adv

Il modello di business descritto, fra l’altro, coinvolge diverse decine di pagine fan: lo si può comprendere, come dicevamo prima, dalla ridondanza di alcuni post marcatamente pubblicitari, i quali vengono replicati variando magari l’immagine che accompagna il testo e poco altro.

I numeri di questa tipologia di business sono molto interessanti, se consideriamo che ogni pagina fan di questo genere muove dai 50000 fan in su: masse critiche ottimizzate per la vendita, si potrà dire, proprio perché parte di un target del tutto inconsapevole.

Voi siete fan di qualche pagina fan demenziale? Riuscite a percepire quando siete di fronte a uno sponsered post? E quante volte vi è capitato di cliccare su “unlike” perché avete capito che siete di fronte a uno spazio sostanzialmente gestito per “veicolare” pubblicità?

 

Fonte: ninjacademy.it